Posso liberare il mio criceto in natura?

? " Informazioni sul criceto " Posso liberare il mio criceto in natura?
Foto dell'autore
Pubblicato da Julie

A volte i proprietari si trovano nell'impossibilità di continuare a prendersi cura dei loro animali domestici, compresi i criceti. Di fronte a questa situazione, ci si può chiedere se sia possibile liberare un criceto in natura.

La risposta è categorica: non si deve non liberare mai un criceto in natura. Come animale domestico, il criceto non ha l'istinto di sopravvivenza per nutrirsi o proteggersi. Lasciarlo in natura equivarrebbe non a offrirgli la libertà, ma a condannarlo a morte certa.

Sebbene questa verità possa essere difficile da accettare, è essenziale comprenderla. In questo articolo vi forniremo tutte le informazioni necessarie sulle differenze tra criceti domestici e selvatici e vi aiuteremo a decidere quale sia quello giusto per il vostro animale domestico.

Se non siete in grado di continuare a prendervi cura del vostro criceto, vi offriremo soluzioni per trovargli una nuova casa amorevole.

Perché volete liberare il vostro criceto?

Siamo d'accordo: in questo articolo non parliamo di liberare il vostro piccolo amico per qualche minuto, ma di liberarlo "per sempre", in natura. Prima di approfondire i motivi per cui liberare il vostro criceto è quasi impossibile, analizziamo innanzitutto il motivo per cui l'idea potrebbe passarvi per la testa.

Il costo della cura di un criceto

Uno dei motivi principali per cui potreste prendere in considerazione l'idea di liberare il vostro criceto è il costo dell'allevamento. Sebbene l'acquisto iniziale di un criceto possa sembrare economico, soprattutto se paragonato a quello di un gatto o di un cane, le spese non si fermano qui.

Un criceto ha bisogno di gabbiail ciboQuesti elementi devono essere sostituiti regolarmente.

Oltre a queste esigenze di base, il criceto ha bisogno di stimoli mentali e fisici. Ha bisogno di giocattoli per arrampicarsi, masticare ed esplorare. A volte, semplici oggetti come una scatola di fazzoletti o un tubo di carta igienica possono arricchire il suo ambiente. Un posto dove correre, come una palla per criceti, e un posto dove riposare lontano dagli occhi, come una casetta, sono anch'essi essenziali per il suo sviluppo. benessere.

Tempo dedicato all'assistenza

Forse l'aspetto finanziario non è la vostra principale preoccupazione. Quando avete adottato un criceto, forse avete pensato che prendersene cura sarebbe stato semplice: qualche pulizia occasionale e sareste stati a posto.

La realtà, tuttavia, si è dimostrata più esigente. La manutenzione regolare di un criceto può richiedere più tempo del previsto, portandovi a rivalutare se questo animale è adatto al vostro stile di vita.

Può anche darsi che la responsabilità di accudire il criceto sia ricaduta su di voi, mentre inizialmente era un altro membro della famiglia a volerlo. Se vi trovate a dovervi occupare di questo animale senza volerlo o poterlo fare, è legittimo chiedersi quale sia il suo posto in casa vostra.

Queste considerazioni, di carattere finanziario o legate al tempo, possono indurre alcune persone a considerare la possibilità di liberare il proprio criceto. Tuttavia, come vedremo, questa non è un'opzione valida per il benessere dell'animale.

No, non si deve liberare un criceto in natura!

Di fronte all'impossibilità di fornire al vostro criceto le attenzioni e le cure di cui ha bisogno e dopo aver esaurito tutte le possibilità di trovargli una nuova casa, potreste pensare di liberarlo in un ambiente naturale come ultima risorsa. Tuttavia, questa azione, anche se forse prevista con le migliori intenzioni, non è affatto nell'interesse del criceto. gli interessi dell'animale.

È accettabile lasciare che il vostro criceto libero in un bosco vicino o in un parco locale? Tecnicamente è possibile, ma è quasi sempre dannoso per l'animale. Questa decisione è generalmente sinonimo di condanna per il vostro cricetoMa è fondamentale capire subito che questa non dovrebbe mai essere considerata un'opzione praticabile.

Criceti domestici e criceti selvatici

Per capire meglio questo problema, diamo un'occhiata più da vicino a tre delle specie di criceto più comuni in casa: il Criceti sirianiCriceti di Roborovski e criceti siberiani. Anche se ognuna di queste specie è nata in natura, ciò non significa che siano adattate a una vita allo stato brado nel nostro ambiente attuale.

Le differenze tra le capacità di sopravvivenza dei criceti selvatici e di quelli domestici sono significative, e noi analizzeremo perché i criceti domestici non sono attrezzati per affrontare le sfide del mondo esterno.

Perché non liberare mai un criceto?

La dura realtà di un criceto domestico

Mettere un criceto in un ambiente selvatico è praticamente una condanna a morte. Contrariamente alle aspettative, non recupererà istintivamente le capacità di sopravvivenza dei suoi antenati. Non saprà come cercare cibo o riparo. Di conseguenza, è molto probabile che soccomba rapidamente.

Un ambiente inadatto

Se un criceto domestico venisse liberato in natura, sarebbe completamente disorientato. Senza conoscere le fonti d'acqua, il cibo appropriato o i rifugi sicuri, sarebbe estremamente vulnerabile. La minaccia di predatori come cani, gatti e animali selvatici è molto reale. Per non parlare del rischio di morte per fame, disidratazione o condizioni climatiche.

Le conseguenze

È quindi molto probabile che soffra di malnutrizione e di esposizione alle intemperie, con una fine lenta e dolorosa. Sebbene sia naturale per i criceti divertirsi a correre e giocare, questi animali domestici non sono (più) attrezzati per la vita all'aperto. La loro stirpe, dopo anni di addomesticamento, ha perso gli istinti necessari per la sopravvivenza in natura.

Esistono alternative

Di fronte a l'impossibilità di continuare a prendersi cura del cricetoTuttavia, è rassicurante sapere che esistono opzioni molto più umane rispetto al rilascio in natura. Ecco alcune soluzioni costruttive per garantire un futuro sicuro al vostro piccolo compagno:

Utilizzare le piattaforme online

Utilizzate i social network: le comunità online, i forum sugli animali e le piattaforme di social media possono essere ottimi luoghi per trovare una nuova casa affettuosa per il vostro criceto. Assicuratevi di trasmettere tutte le informazioni necessarie affinché il futuro proprietario sappia cosa aspettarsi.

Mobilitare la rete

Chiedete a parenti e amici: spesso la soluzione è più vicina di quanto pensiate. Chiedete in giro per vedere se qualcuno sarebbe felice di accogliere il vostro criceto. Il passaparola può talvolta portare a risultati sorprendentemente positivi.

Ritorno al negozio di animali

Se avete acquistato il vostro criceto in un negozio di animaliSe avete un animale domestico, prendete in considerazione l'idea di riportarlo a loro. Anche se non è l'ideale, è comunque un'opzione migliore rispetto all'abbandono in natura. L'obiettivo è assicurarsi una nuova casa, non raccogliere denaro.

Contattare le organizzazioni professionali

  • Rifugi e associazioni Rifugi per animali: alcuni rifugi per animali accolgono anche piccoli compagni come i criceti. Possono offrire una soluzione temporanea o permanente fino a quando non si trova un adottante adatto.
  • Consultare il veterinario Potrebbero avere contatti con famiglie che desiderano adottare un criceto o conoscere reti di adozione affidabili.

Queste alternative sottolineano l'importanza della responsabilità nei confronti dei nostri animali domestici. Ogni opzione richiede comunicazione e un approccio proattivo per garantire il benessere del criceto. Agendo con compassione e attenzione, potete fare una grande differenza nella vita del vostro piccolo amico.

Foto dell'autore
Pubblicato da Julie

Ho una passione per i criceti fin da quando ero molto giovane e mi piacerebbe condividere con voi la mia conoscenza di questi animali!

Lascia un commento